28/01/16 Migranti, la Svezia: "Pronti ad espellere 60mila richiedenti asilo"

STOCCOLMA. La Svezia è pronta ad espellere più di 60mila migrati a cui ha negato la richiesta di asilo. Lo ha reso noto il ministro dell'Interno, Anders Ygmen. La cifra significa la meta' dei 163mila richiedenti asilo nel 2015 nel Paese, il numero piu' alto procapite in Europa.  Delle circa 58.800 richieste di asilo valutate lo scorso anno fu accettato il 55% per cento.  

Il ministro ha spiegato che, considerato l'enorme numeero di migranti respinti, il governo utilizzera' voli charter per riportarli a casa nell'arco di vari anni. "Stiamo parlando di 60mila persone, ha spiegato, ma il numero potrebbe salire a 80mila". Le espulsioni si realizzano abitualmente su voli commerciali, ma considerato l'enorme numero di questa 'tornata', Ygeman ha spiegato che si fara' utilizzo di voli charter, affittati per l'occasione.    

In rapporto alla popolazione svedese, i 163mila rifugiati che hanno fatto richiesta di asilo in Svezia nel 2015 equivarrebbero a 1,3 milioni di persone in un Paese di 80 milioni di abitanti come la Germania (che ha ricevuto l'anno scorso 1,1 milioni di rifugiati).    

Il tasso di accettazione varia notevolmente in funzione delle nazionalita'. I siriani, arrivati in massa nel 2015, sono stati accettati per il 90%, molto piu' degli afghani (35%) o iracheni (20%). L'ufficio svedese spiega che numerosi iracheni e afghani possono essere espulsi in virtu' del regolamento di Dublino, che stabilisce che una domanda di asilo deve essere esaminata nel primo Paese europeo di arrivo in terra straniera (come e' noto, il regolamento e' di difficile applicazione e la Commissione europea sta cercando di rivederlo proprio perche' esso esercita un'eccessiva pressione sui due principali Paesi di approdo dei migranti, la Grecia e proprio l'Italia).  

Il capo della polizia di frontiera svedese non ha nascosto pero' il livello di incertezza che si accompagna alla decisione del governo: "Molti migranti spariscono appena vengono a sapere che l'Ufficio migrazioni deve consegnarli alla polizia", ha spiegato Patrik Engstrm, citato dal sito web del quotidiano Di. Secondo il quotidiano, alcuni Paesi di origine si rifiutano di accogliere i loro cittadini, per esempio il Marocco e d'Afghanistan, con i quali sono in corso negoziati con Stoccolma sulla questione.    Intanto nel mar Egeo è avvenuto un altro naufragio, vicino alle coste dell'isola greca di Samo, che è costato la vita ad almeno 12 persone, tra cui otto bambini. Nove migranti si sarebbero salvati e circa venti sono dispersi. 

Articoli correlati

Migranti, Salvini: ‘’Serviranno 80 anni per rimpatriarli tutti’’
Pubblicato il 10/09/2018 • leggi all'articolo
Renzi a Firenze: ‘’Pensano di essersi liberati di me, ma si sbagliano’’
Pubblicato il 10/09/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Macron: ‘’Io avversario di Orban e Salvini’’
Pubblicato il 30/08/2018 • leggi all'articolo
Caso Diciotti, la Procura di Agrigento: ‘’Fate scendere i bambini, valutiamo indagine per sequestro di persona’’
Pubblicato il 23/08/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Conte: ‘’serve comitato di crisi Ue’’
Pubblicato il 19/07/2018 • leggi all'articolo
Linosa: 4 migranti annegati dopo tuffo da barcone
Pubblicato il 17/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Salvini esulta: ‘’Non siamo più campo profughi dell’Ue’’
Pubblicato il 16/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti: il governo respinge una nave italiana che ha soccorso 66 profughi
Pubblicato il 10/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Di Maio: ‘’Cambiare le regole d’ingaggio Ue’’
Pubblicato il 09/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, accordo raggiunto con l’Ue. Conte: ‘’L’Italia non è più sola’’
Pubblicato il 29/06/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus