29/05/15 Battipaglia, maxi operazione antidroga: 87 arresti

BATTIPAGLIA. Sono 87 le persone finite in manette nell'ambito del maxi blitz antidroga condotto dalla Polizia di Stato a Salerino. Gli arrestati sono affiliati ad un'organizzazione criminale dedita al traffico ed allo spaccio di ingenti quantitativi di stupefacenti provenienti, principalmente, dall'hinterland napoletano, in diretto contatto con il clan Giffoni/Noschese gia' operante a Battipaglia.

Gli investigatori hanno fatto luce sui diversi interessi dell'associazione, riscontrando una anomala gestione degli interessi pubblici nel comune di Battipaglia (coartazione della volontà elettorale, gestione di stand pubblici per la distribuzione di fuochi di artificio) che conferivano al gruppo una ulteriore connotazione riconducibile al fenomeno dell'associazione mafiosa.

Fondamentale nella ricostruzione di tutte le vicende delittuose è stato il contributo offerto dalle dichiarazioni di alcuni affiliati, anche di livello apicale, dell'organizzazione che, proprio a seguito delle incessanti indagini svolte dalla Procura si sono determinati alla collaborazione con la giustizia.

Grazie a tale collaborazione è stato accertato che l'organizzazione avrebbe avuto tra i propri obiettivi il condizionamento del voto in sede locale, con azioni intimidatorie tese a canalizzare il voto verso Orlando Pastina, candidato ed eletto consigliere comunale di Battipaglia nelle consultazioni amministrative del 2009, ma anche il condizionamento dell'attività amministrativa e di governo della città di Battipaglia. Ma non solo. Uno dei principali scopi dell'organizzazione sarebbe stato quello del conseguimento e del mantenimento del controllo egemonico del territorio, realizzato attraverso la consumazione di atti intimidatori espliciti e, comunque, agendo anche simbolicamente, aventi l'obiettivo di assoggettare i destinatari, sia titolari di attività produttive di reddito lecito, sia soggetti dediti ad attività delittuose, azioni poste in essere evocando legami (effettivi) con altre affermate e pericolose organizzazioni criminali che già avevano operato sul territorio, i cui capi, benchè detenuti, erano ancora influenti nella medesima area territoriale (clan Giffoni-Noschese capeggiato da Biagio Giffoni e Bruno Noschese); nonchè consumando azioni di allarmante violenza fisica  e di danneggiamento a mezzi e cose. E poi la ricettazione, la detenzione ed il porto di armi da sparo finalizzata a realizzare gli scopi delle attività delittuose di cui sopra, nonchè al reperimento di altre armi per potenziare la forza d'intimidazione dell'organizzazione; il controllo e la gestione del gioco d'azzardo in genere  e delle slot machine; il traffico di stupefacenti in forma diffusa e capillare ed il controllo sistematico di tale attività illecita sul territorio; il reinvestimento dei profitti illeciti in attività formalmente lecite.

Articoli correlati

Battipaglia: carabinieri si suicida davanti alla caserma
Pubblicato il 16/12/2016 • leggi all'articolo
Europa, Renzi: “Austerity inutile se la gente non arriva a fine mese”
Pubblicato il 13/09/2016 • leggi all'articolo
Battipaglia: esplode bombola in un palazzo, feriti tre turisti
Pubblicato il 03/08/2015 • leggi all'articolo
Operazione ‘Alma’, rigettato il ricorso della Procura
Pubblicato il 15/01/2014 • leggi all'articolo
(FOTO) Forconi: rappresentanti di Caserta ed Aversa si sono incontrati a Napoli
Pubblicato il 17/12/2013 • leggi all'articolo
Appalti per il clan dei casalesi, annullate le misure cautelari per Attilio Guida e Michelangelo Madonna
Pubblicato il 14/11/2013 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus