22/09/16 Parte il Fertility Day, la Lorenzin: “La prima campagna era proprio brutta”

ROMA. "E' difficile parlare di temi come la fertilità, ma bisogna parlarne. Ho vissuto tutte le polemiche, una per una, ma ciò che è importante sono i fatti e non le polemiche". Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, apre così i lavori del Fertility Day a Roma. I fatti sono, ha affermato, che "oggi ci sono 700 mila coppie che cercano di avere un figlio e non ci riescono".

E i fatti, ha proseguito, "ci dicono anche che ci sono milioni di giovani che non sono informati". Per questo, avverte Lorenzin, "è nostro dovere oggi mettere i giovani in condizioni di salute ottimali, come è nostro dovere oggi far sì che il servizio sanitario nazionale universalistico possa esserci tra 20 anni". Questo "fa il ministero della Salute: programma piani di lungo termine per la prevenzione, per prevenire le emergenze di domani; non si preoccupa solo dell'emergenza del momento". Quindi, ha concluso, "i problemi veri vanno affrontati, e quando non piacciono bisogna affrontarli lo stesso".

A margine dell'inaugurazione Lorenzin aggiuge: "Nel fertility day parliamo di salute, poi c'è l'aspetto politico e nella politica ci sono le strumentalizzazioni, e mi sa che c'è un sacco di gente che aspira a fare il ministro della Salute: va benissimo, ma io intanto mi occupo di cose vere".

Poi ammette che la campagna per il Fertility Day "era proprio brutta ma io faccio il ministro e non il comunicatore; dunque mi interessa il messaggio più della campagna in sè". E ha precisato che, nel caso della foto sull'opuscolo informativo accusata di razzismo, si è trattato di un "errore tecnico e di incapacità". Nell`ultima campagna "c'è una foto diversa da quella che noi abbiamo vidimato. Perché è diversa non lo so, lo accerteremo. Comunque ci sono dei responsabili e i responsabili si devono assumere le loro responsabilità". Sul Fertility day ci sono state ancora polemiche.

A finire nel mirino dei social proprio la locandina varata dal ministero della Salute: un opuscolo sugli stili di vita corretti per la prevenzione della sterilità e dell'infertilità che rappresenta in alto "le buone abitudini da promuovere", con una famiglia bella, bionda e sorridente, mentre in basso ci sono "i cattivi 'compagni' da abbandonare', che rappresenta un gruppo di giovani che fumano erba, tra cui alcuni anche di colore. Subito i social si sono scatenati: "Ditemi se non è razzista- scrive Abbatto i muri - perché mai si attribuiscono le cattive abitudini a gente nera, riccia, bad girls che fumano erba?

Le coppie bianche ed etero invece sono fantasticissime?". Molti altri i messaggi di questo tenore he in poche ore hanno invaso la rete. Già alla fine di agosto la la prima versione della campagna di comunicazione era finita nell'occhio del ciclone per i suoi messaggi (e immagini) considerati poco rispettosi della libertà delle donne.

Articoli correlati

Aiello: ''Cara Lorenzin, lei ha ucciso mio padre due volte''
Pubblicato il 25/09/2017 • leggi all'articolo
Lorenzin: '' Tumori in Campania? Colpa dell'inquinamento, ma anche degli stili di vita''
Pubblicato il 25/09/2017 • leggi all'articolo
Fertility Day, Renzi: “Buona idea metterlo da parte”
Pubblicato il 18/10/2016 • leggi all'articolo
Fertility Fake: proteste a Roma contro il ministro Lorenzin
Pubblicato il 22/09/2016 • leggi all'articolo
Renzi: “Fertility day? Per fare figli non servono cartelloni”
Pubblicato il 02/09/2016 • leggi all'articolo
Bari: Lorenzin visita 3 feriti dello scontro treni
Pubblicato il 18/07/2016 • leggi all'articolo
Unioni Civili, Lorenzin: "Garantire ai bimbi una mamma e un papà"
Pubblicato il 25/01/2016 • leggi all'articolo
Beatrice Lorenzin: "Basta morti di parto, chi ha sbagliato paghi"
Pubblicato il 04/01/2016 • leggi all'articolo
L'ultima trovata di Razzi: ''incentivi per chi va in palestra''
Pubblicato il 11/03/2015 • leggi all'articolo
Terra dei Fuochi, ecco il decreto ministeriale: coltivazione vietata per 15 ettari di terreno
Pubblicato il 13/02/2015 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus